View Full Version: Violetta

Descarga de novelas > Seriale - Comentarii si poze > Violetta

Pages: [1] 2 3

Title: Violetta
Description: Vittoria Puccini e Rodrigo Giurao Diaz


utzy - October 30, 2011 07:16 PM (GMT)
Violetta

Vittoria Puccini e Rodrigo Giurao Diaz



user posted image

Violetta: Vittoria Puccini nella miniserie di Antonio Frazzi


La fiction rai "Violetta" è una storia d'amore struggente e passionale (liberamente ispirata al celebre romanzo 'La Signora delle Camelie' di Alexandre Dumas figlio, dal quale Giuseppe Verdi ha ricavato 'La Traviata') con uno sfondo giallo, ambientata a Milano durante il Risorgimento. La protagonista della fiction è Vittoria Puccini, che interpreta Violetta Valery, una giovane e disillusa ragazza che, in pieno Ottocento, per sfuggire ad un'infanzia povera e piena di privazioni, trova il suo riscatto concedendosi a ricchi amanti ammaliati dalla sua straordinaria bellezza. Facendosi mantenere, Violetta non ha mai conosciuto l'amore vero, quello che scalda il cuore, ma solo l'amore fugace, mercenario che, al contrario, indurisce l'anima. Con Vittoria Puccini troviamo l'argentino ma ormai italiano d'adozione Rodrigo Guirao Diaz nel ruolo di Alfredo Germont, Andrea Giordana nelle vesti del Duca di Sagrado e Tobias Moretti nella parte di Antonio Caleffi. Firma soggetto e sceneggiatura Sandro Petraglia, mentre la regia è di Antonio Frazzi.

Cast e personaggi


Vittoria Puccini: Violetta, cortigiana bella e spregiudicata
Rodrigo Guirao: Alfredo Germont, studente giovane e idealista
Tobias Moretti: Andrea Caleffi, ufficiale austriaco
Andrea Giordana: Duca di Sagrado, leader dei dissidenti lombardi
Mauro Marino: Sebastiano Lucchi, sarto e confidente di Violetta
Federica De Cola: Annina, cameriera di Violetta
Luchino Giordana: Federico Dominici, amico di Alfredo
Susanna Marcomeni: Prudenzia Orlandi, proprietaria del negozio di abiti
Ugo Maria Morosi: Questore Braschi
Massimo De Francovic: Giorgio Germont
Paolo Giovannucci: Barone Varzi
Marco Morellini: Dottor Antonini
Alessandro Lombardo: Ciarla
Roberto Accornero: Comandante della guarnigione
Mario Cordova: Giudice Cividali
Raffaella Panichi: Adele
Andrea Gherpelli: Barcaiolo
Francesca Jemma: Giulia
Sara Gandolino: Filì
Michele Franco: Ingegner Carlisi
Cesare Scova: Notaio Dossi
Laura Mazzi: Signora Pisanò
Mario Brusa: Farmacista Aureli
Enzo Brasolin: Libraio
Alberto Micelotta: Inserviente teatro
Viviana Dragani: Soprano
Ernesto Alejandro: Tenore
Giulia Agnolin: Violetta bambina
Daniele Belviso: Amichetto
Luigi D'Oriano: Pietro
Lorenzo D'Anza: Amichetto
Maria Rosaria Sole: Amichetta
Federico Scoponi: Maestro Parri


http://platform.ak.fbcdn.net/www/app_full_...om%2F2im6hd.jpg


utzy - October 30, 2011 07:18 PM (GMT)




user posted image


* Film del 2011
* Generi: drammatico
* Regia di: Antonio Frazzi
* Cast: Vittoria Puccini, Rodrigo Guirao Díaz, Tobias Moretti


utzy - October 30, 2011 07:19 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 07:50 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 07:51 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:00 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:01 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:02 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:02 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:03 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:03 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:03 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:04 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:06 PM (GMT)
Rodrigo Giurao Diaz a jucat si in serialul Terra Ribelle

user posted image

utzy - October 30, 2011 08:14 PM (GMT)
user posted image



utzy - October 30, 2011 08:14 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:14 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:18 PM (GMT)
user posted image

"Violetta" con Vittoria Puccini e Guirao Diaz

La sensuale attrice toscana Vittoria Puccini, e l'argentino Rodrigo Guirao Diaz, reduce dal successo di pubblico di Terra Ribelle su RaiUno, vivono, una storia di passione romantica e civile: sono in questi giorni sul set di una fiction in costume "Violettà, ambientata negli anni roventi dell'Unità d'Italia, che andrà in onda sulla rete ammiraglia della Rai nel 2011.
Liberamente ispirata al celebre romanzo "La Signora delle Camelie" di Alexandre Dumas figlio, base dell'opera romantica "La Traviata" di Giuseppe Verdi, "Violetta" è una miniserie in due puntate, all'insegna dell'amore struggente e della passione, sullo sfondo di un'avvincente spy-story.
Ambientata a Milano, la fiction viene girata tra Torino e il suo hinterland, e vede tra le location anche le fortezze militari di Alessandria, Asti e Piombino. Una coproduzione RaiFiction – Magnolia Fiction – Beta Film GmbH per la regia di Antonio Frazzi (ha diretto anche i film per la televisione "Giovanni Falcone, l'uomo che sfidò Cosa Nostra" e "Il commissario De Luca") e le scene di Maurizia Narducci. A firmare la sceneggiatura Sandro Petraglia uno degli autori più rappresentativi del cinema e della tv ("Romanzo Criminale", "La Meglio Gioventù", "La Piovra", "Bianca"). Nel ruolo di Violetta Valery, la Puccini, nota al pubblico televisivo per l'interpretazione in costume nella serie televisiva Elisa di Rivombrosa di Cinzia Th Torrini (ma con all'attivo anche buone prove cinematografiche come "Ma quando arrivano le ragazze" di Pupi Avati e le fiction "La Baronessa di Carini" e la "Città dei Matti"). Nel ruolo di Alfredo, Rodrigo Guirao Diaz: fisico scultoreo, occhi cerulei, ha già conquistato il cuore di molte fan in "Terra Ribelle", la saga della Th Torrini (7.241.000 telespettatori, 24,62% nell'ultima puntata) e delle giovanissime ne "Il mondo di Patty".
Rispetto alla Signora delle Camelie di Dumas, la vicenda avrà un finale meno drammatico. Nel cast anche Andrea Giordana che interpreta il duca di Sagrado e Tobias Moretti nel ruolo di Caleffi.
È il 1844 quando Alexandre Dumas figlio conosce Marie Duplessis, la donna che gli ispirerà il suo più noto romanzo "La signora dalle Camelie" (1848). Per l'epoca in cui fu scritto il tema era scandaloso. È stato infatti oggetto di critiche e interpretazioni diverse ed ha suscitato lo sdegno dei benpensanti ma ha soprattutto commosso migliaia di lettori nel mondo. È la storia dell'infelice amore tra Margherita (Violetta) e Armando (Alfredo). Infelice perché contrastato in nome delle buone regole piccolo-borghesi. Lei è infatti la mantenuta, abituata a vivere nel lusso, a indossare abiti sontuosi, a essere circondata di gioielli e accessori preziosissimi che si innamora del giovane di buona famiglia. Tuttavia, la fama de "La signora delle camelie" è legata soprattutto alla trasposizione in musica composta da Giuseppe Verdi, "La Traviata", che venne rappresentata per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia nel 1853. Margherita Gautier, o Violetta Valery ne "La Traviata", è diventata nel tempo un simbolo, interpretato da celeberrime donne di spettacolo: Eleonora Duse, Greta Garbo, Maria Callas. Disperato tentativo di riscatto e incompreso sacrificio emergono dal racconto dando vita a una narrazione che oggi potremmo definire «una storia d'altri tempi», ma che certamente continua ad affascinare e a suscitare sensazioni, emozioni con la stessa forza di un tempo.

utzy - October 30, 2011 08:22 PM (GMT)
user posted image



Vittoria Puccini e Rodrigo Guirao Diaz protagonisti di "Violetta"

http://www.youtube.com/watch?feature=playe...d&v=Jiv9uV7DPwo

Passione travolgente tra Vittoria Puccini e Rodrigo Guirao Diaz in "Violetta"

http://www.youtube.com/watch?v=FA60uws7VOQ&feature=relmfu

Rodrigo Guirao Diaz en Violeta, escena con Andrea Giordana

http://www.youtube.com/watch?v=uCYpBY0Lv1U&feature=related

Rodrigo Guirao Diaz in Violeta (La Traviatta)

http://www.youtube.com/watch?v=yX8rNoqttQw&feature=related

Rodrigo Guirao Diaz in Violeta

http://www.youtube.com/watch?v=j_p3AWlsVXY&feature=related

Rodrigo Guirao Diaz in Violeta (La Traviatta)

http://www.youtube.com/watch?v=4U79SlolEEs&feature=related

Rodrigo Guirao Diaz in Violeta (La Traviatta)

http://www.youtube.com/watch?v=YBwKdeLm-ZA&feature=related

Rodrigo Guirao Diaz en "Violeta" 2do capitulo

http://www.youtube.com/watch?v=UdbhznXpOsA&feature=related

Vittoria Puccini e Rodrigo Guirao Diaz in "Violetta" - Prima puntata

http://www.youtube.com/watch?v=Om1CAqHYn-Q&feature=related



utzy - October 30, 2011 08:39 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:40 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 08:56 PM (GMT)
user posted image

Violetta, su Rai1 Vittoria Puccini nei panni di una cortigiana amata dall'idealista Alfredo (Rodrigo Guirao Diaz)


E FICTION CHE VEDREMO Promette patriottiche palpitazioni Violetta (fiction in due serate in onda in autunno su Rai1) ovvero la dumasiana Signora dalle camelie trasformata in una Traviata risorgimentale: Violetta (Vittoria Puccini ), mantenuta da un filo-austriaco (Andrea Giordana), s'innamora del carbonaro Alfredo (Rodrigo Guirao Diaz - 6,5 -) ma, gravemente malata, rinuncia a lui. La serie è ambientata nella Milano di metà Ottocento. Musica di Giuseppe Verdi.

"Quello di Violetta - spiega la Puccini - è un ruolo di cui mi sono innamorata subito, ho pianto solo leggendo la sceneggiatura. L'ho amato perché è una donna piena di sfumature, un personaggio complesso e una vera e propria sfida interpretarlo. Sfida che non avrei mai potuto vincere senza il sostegno di Antonio Frazzi, il regista".
"Ecco - aggiunge la Puccini - anche io, quando recito scopro sempre una nuova parte di me. Prediligo, per questo motivo, ruoli sempre diversi in modo tale da conoscermi meglio".

utzy - October 30, 2011 09:00 PM (GMT)


user posted image



Violetta con Vittoria Puccini e Rodrigo Guirao Diaz. L'amore nell'Ottocento




Una storia d'amore struggente e passionale, sullo sfondo di un'avvincente spy-story ambientata a Milano durante il Risorgimento. Violetta è la fiction liberamente ispirata al celebre romanzo La Signora delle Camelie di Alexandre Dumas figlio, in onda su Rai1 domenica 16 e lunedì 17 in prima serata.

Amore, passione, tradimento. Violetta racconta la storia di una giovane e disillusa ragazza che, in pieno Ottocento, per sfuggire ad un'infanzia povera e piena di privazioni, trova il suo riscatto "concedendo le sue grazie" a ricchi amanti ammaliati dalla sua straordinaria bellezza. Violetta è una mantenuta. Non conosce l'amore vero, quello che scalda il cuore, ma solo l'amore fugace, mercenario che, al contrario, indurisce l'anima. Il destino beffardo, però, mischierà più volte le sue carte regalandole prima il sogno di un futuro migliore accanto al grande amore e poi scippandole ogni speranza, con il peso di una malattia incurabile che consuma anima e fisico e l'amara consapevolezza della vita che sfugge. Sullo sfondo una Lombardia dominata dagli austriaci, teatro di continue rivolte e cospirazioni anti imperiali.
Una grande coproduzione Rai Fiction - Magnolia Fiction - Beta Film con Vittoria Puccini nei panni di Violetta Valery, l'argentino Rodrigo Guirao Diaz nel ruolo di Alfredo Germont, Andrea Giordana nelle vesti del Duca di Sagrado e Tobias Moretti nella parte di Antonio Caleffi. Firma soggetto e sceneggiatura Sandro Petraglia. La regia è di Antonio Frazzi.
Siamo a Milano. E' il 1848. Alfredo Germont, giovane attraente studente di legge, animato da una forte passione civile e impegnato nella lotta contro gli austriaci, si innamora di Violetta Valery, una donna di facili costumi, bella e spregiudicata ma destinata dalla tisi ad una morte precoce. Li travolge una grande passione, dolce, violenta e inaspettata. Ma il loro è un amore fragile, minacciato dalle convenzioni sociali, dalla guerra che incombe e dai segreti che Violetta custodisce.
La serie è costata 5 milioni 200 mila euro, 3 milioni e mezzo dei quali investiti dalla Rai che, "finché non finisce la crisi - afferma il direttore di Ra Fiction Fabrizio Del Noce - deve trovare strade di cofinanziamento per avere prodotti di qualità". "Nei tre anni e mezzo di mia direzione è l'opera più bella che abbiamo prodotto", contro ogni polemica, soprattutto quelle riguardanti l'ennesimo remake prodotto dalla Rai: "Non si tratta di un remake, ci sono degli spunti che coincidono ma l'ambientazione è diversa, non a Parigi ma nell'Italia risorgimentale, così come la trama che affianca alla storia d'amore complotti e cospirazioni".
"Il cinema italiano fa pochi film d'amore e questa è una storia che indugia sul sentimento", così lo sceneggiatore Sandro Petraglia, che "ha scritto questo copione circa 12 anni fa - come ha ricordato il produttore Giorgio Gori - su un tema così frequentato dal melodramma, rileggendolo in modo originale". Contro le passioni mordi e fuggi della fiction di oggi Petraglia propone "lunghe sequenze dove i protagonisti si scambiano le parole dell'amore".
"Spero che un giorno mi sentirò innamorata come Violetta, che riceverò dichiarazioni meravigliose come quelle che le fa Alfredo - ha spiegato Vittoria Puccini - tutti sognano un amore così incondizionato e bisogna continuare a crederci".
Il regista Antonio Frazzi ha promesso un'interpretazione della morte di Violetta - ben venti minuti di sospiri e parole - da manuale della recitazione che gli spettatori non dimenticheranno facilmente e Andrea Giordana ha parlato di una miniserie che "coinvolge e strappa il cuore".

utzy - October 30, 2011 09:01 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:03 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:05 PM (GMT)
user posted image

Grazie ad "Elisa di Rivombrosa" Vittoria Puccini ha ottenuto la consacrazione TV ed ora la bella attrice italiana si lascia coinvolgere da un nuovo prodotto televisivo in costume per Rai Uno: "Violetta". La mini serie in due puntate è liberamente ispirata a "La Traviata" celebre opera di Giuseppe Verdi, rappresentata in teatro, per la prima volta, il 6 marzo 1853. La "Violetta" televisiva è affidata alla regia di Antonio Frazzi, già noto, tra le altre cose, per i suoi "Angela", "Giovanni Falcone l'uomo che sfidò Cosa Nostra" e "Il commissario De Luca". Vittoria Puccini veste, dunque, i panni dell'affascinante Violetta Valéry coinvolta in una passionale storia d'amore con Alfredo Germont (Rodrigo Guirao Diaz) durante i complicati anni dell'Unità d'Italia.

utzy - October 30, 2011 09:06 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:07 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:07 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:08 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:09 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:09 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:13 PM (GMT)
Prima puntata

user posted image


È il 1849 e la Lombardia è sotto il dominio Austriaco. Un messo imperiale sotto mentite spoglie, Andrea Caleffi, indaga sul passato di una donna legata ai dissidenti: Violetta Valery. L’uomo, fingendosi l’avvocato della sorella di Violetta, interroga le persone che hanno frequentato la donna negli ultimi anni della sua vita. La prima a essere interpellata è Prudenzia, amica e proprietaria del negozio di abiti dove Violetta conobbe Alfredo, l’uomo la cui vita sembra legata a doppio filo a quella della donna.

Dai racconti di chi li ha conosciuti, la storia d’amore fra Violetta e Alfredo viene a galla, torbida e appassionata. Impegnato a fuggire dalla polizia, anni prima Alfredo si rifugia nel negozio di Prudenzia, rimanendo per la prima volta abbagliato dalla bellezza di Violetta. Studente pieno di ideali, durante un’assemblea segreta dei patrioti, Alfredo è costretto nuovamente a fuggire per l’arrivo della polizia, ricevendo l’invito di Violetta a unirsi a lei in serata per una festa. Arrivato alla villa, Alfredo ha un primo momento di intimità con Violetta, provata da un forte attacco di tosse, ma un amico lo mette in guardia su di lei: Violetta Valery è una prostituta e un semplice studente come lui non potrà mai averla solo per sé.

A casa di Violetta, Caleffi sfoglia un libro appartenuto alla donna: “La Certosa di Parma”. Le pagine del romanzo sono piene di brevi messaggi che Alfredo le ha scritto durante un periodo di prigionia. Recatosi in carcere, dove l’uomo è ormai rinchiuso da tempo, Caleffi chiede ad Alfredo di raccontare la sua storia a partire da dove Prudenzia l’ha interrotta...

Dopo quel primo incontro, è Violetta a cercare la compagnia di Alfredo. Violetta arriva tardi al primo appuntamento con Alfredo,ammettendo di essersi dimenticata di lui; Alfredo la perdona, si lascia sedurre e poi fa l’amore con lei. Decisa a non voler rivelare parte del suo privato, Violetta confida però ad Alfredo di non essersi mai voluta innamorare: da tempo è molto malata e l’aspetta una morte precoce. Dopo questa intensa notte d’amore, Alfredo viene arrestato e incarcerato a causa della sua attività sovversiva. Ma Violetta, grazie alle sue conoscenze, riesce a ottenere il permesso di vederlo e di scambiare con lui quei messaggi che sono contenuti nel libro che ora Caleffi stringe fra le mani.

I racconti di Alfredo aiutano Caleffi a far luce sulla gelosia del ragazzo e sui rapporti personali che Violetta coltivava nel suo privato. Caleffi interroga Lucchi, sarto di Violetta nonché suo confidente e compagno nelle serate mondane. In prigione in attesa di essere giustiziato, Lucchi rivela a Caleffi che la scarcerazione di Alfredo e degli altri rivoltosi, è avvenuta grazie ad un giudice amico “intimo” di Violetta. Il racconto del sarto aiuta il messo imperiale a chiarire anche il ruolo del Duca di Sagrado, uomo chiave della dissidenza politica lombarda, che ha avuto per anni densi ed ambigui rapporti con Violetta.

Uscito di prigione, Alfredo si ricongiunge a Violetta. Fra i due la passione non è svanita, ma la gelosia di Alfredo non si placa: un anello con incisa la lettera “P”, oggetto che Violetta conserva gelosamente, è motivo di un violento litigio. Dopo le molte domande, Alfredo apprende che l’iniziale è quella dell’unico uomo che Violetta ha sposato, molti anni addietro. Riappacificati, Alfredo e Violetta fantasticano sulla possibilità di una vita al mare, lontani da Milano. La mattina seguente, Alfredo si sveglia e realizza che Violetta si è allontanata per recarsi dal Duca di Sagrado. In sella al suo cavallo, Alfredo arriva alla villa e si scontra con l’amara verità: la donna che ama si prostituisce ancora in cambio di denaro. Disperato, torna a Milano e le lascia una lettera. Ma proprio mentre è occupato a preparare i bagagli, Violetta corre da lui pronta a fermarlo.


Seconda puntata

Dopo aver letto la sua lettera, Violetta è corsa da Alfredo per fermarlo e convincerlo delle sue buone intenzioni: da quando c’è lui la sua vita da donna “traviata” è radicalmente cambiata, e i soldi che chiede ai suoi amici serviranno solo per permettere a entrambi di trasferirsi al mare. Così, Alfredo segue Violetta in Liguria. E qui i due amanti cominciano una vita insieme. Mentre Alfredo, per mantenere l’elevato tenore di vita di Violetta, si trova costretto a far fruttare il suo patrimonio al gioco, il Duca di Sagrado si reca da Violetta provando a convincerla che tornare a Milano è per lei la cosa più saggia.

Non riuscendo a persuaderla, il Duca incontra il padre di Alfredo. Preoccupato per le sorti del figlio, che sembra aver abbandonato anche il sogno di liberare l’Italia dal dominio austriaco, il padre di Alfredo convince Violetta ad abbandonare il giovane rinunciando a svelargli il vero motivo del suo abbandono.

Violetta lascia una lettera dove rinnega il suo amore e torna improvvisamente a Milano.

Alfredo, letto il messaggio, parte immediatamente e raggiunge Violetta a una festa, trovandola in compagnia del barone Varzi. Alfredo sfida a carte il suo rivale e poi getta i soldi vinti contro Violetta in segno di disprezzo, urlandole di aver finalmente pareggiato la partita. Mosso dalla rabbia fugge poi dalla città per unirsi ai patrioti accampati al confine con il Piemonte.

Durante un’offensiva che si risolve a favore delle truppe austriache, Alfredo rimane ferito gravemente. Riprese le forze alla vigilia del ritorno a Milano dell’esercito asburgico, Alfredo cerca rifugio dal padre, dove scopre la verità: Violetta lo ha sempre amato, ma si è sacrificata per lui e per l’onore della sua famiglia. Alfredo riparte per Milano, nonostante il pericolo di essere arrestato, e si ricongiunge finalmente alla donna che ama. Ma Violetta è ormai in fin di vita, consumata dalla tisi, e muore fra le sue braccia. Dopo esserle stato accanto un giorno intero, Alfredo si reca da Lucchi, vecchio amico della Violetta in cerca di conforto, ma viene scoperto e arrestato.

Ora Caleffi ha tutte le informazioni di cui ha bisogno: Alfredo non è colpevole di nessuna cospirazione, ma Violetta sì. La donna, che per anni aveva frequentato nobili e le più alte cariche politiche e militari di Milano, ha passato per anni informazioni utili al Duca di Sagrado, vero responsabile della cospirazione contro l’impero asburgico. Dopo aver ordinato la fucilazione del Duca, Caleffi libera Alfredo dalla prigionia e gli consegna il corpo di Violetta.

Prima di separarsi il messo imperiale chiede ad Alfredo un’ultima spiegazione sulla lettera incisa sull’anello tanto caro a Violetta. Alfredo gli spiega che la “P” sta per Pietro, un bambino che Violetta aveva “sposato” per gioco.

Alfredo, secondo le ultime volontà di Violetta, lascia cadere la bara della donna amata nel fiume vicino al quale è cresciuta e quando era ancora innocente aveva giocato e vissuto i suoi sogni di bambina.


utzy - October 30, 2011 09:26 PM (GMT)
Violetta, l'amore struggente di Vittoria Puccini
La fiction ispirata a "La Traviata" di Giuseppe Verdi.

user posted image

l melodramma "La Traviata" di Giuseppe Verdi, ispirato al romanzo "La signora delle Camelie" di Alexandre Dumas figlio, è ora anche una miniserie televisiva, Violetta di Antonio Frazzi. La tormentata storia d'amore tra la prostituta Violetta e Alfredo, un giovane appassionato che decide di vivere la relazione, malgrado i giudizi della gente e la malattia incombente della ragazza, è il fulcro della storia. Ad interpretare i due protagonisti Vittoria Puccini e l'argentino Rodrigo Guirao Diaz, già visto in Terra ribelle di Cinzia Th. Torrini e ne Il mondo di Patty, due bellissimi della televisione che daranno spessore ed eleganza ai personaggi del dramma.

Girata a Torino e nei dintorni della città (il set ha raggiunto anche le fortezze militari di Alessandria, Asti e Piombino) ma ambientata a Milano, la fiction ha visto Sandro Petraglia come autore della sceneggiatura, una garanzia di qualità per un prodotto rivolto al pubblico del piccolo schermo. A proposito del suo coinvolgimento nel progetto, lo scrittore ha affermato: "il mio problema veniva prima, aveva a che fare con una storia che, a partire da Dumas, era passata per la letteratura, il teatro, il melodramma, il cinema, caricandosi di pesi, di stratificazioni, di incrostazioni. Ho pensato allora di costruire, attorno a Violetta, il mistero del suo passato, e quello del suo presente. Ho ‘visto’ Violetta da piccola, in un paese poverissimo, alla foce del Po; l’ho vista comprata per poche lire da un uomo, l’ho vista che spariva su un carro di spettacoli viaggianti diretto verso le città, forse Parma, forse Genova, forse la Francia. Poi ho immaginato un buco nero di anni, Violetta è diventata una donna d’amore, ma il mistero resta: forse è una spia, qualcuno indaga su di lei, c’è una detection, c’è un giallo..."

utzy - October 30, 2011 09:28 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:29 PM (GMT)
user posted image

utzy - October 30, 2011 09:29 PM (GMT)
Vittoria Puccini (29 anni) 18 Novembre 1981, Firenze (Italia) - Scorpione
Interpreta Violetta nel film di Antonio Frazzi Violetta.



user posted image



utzy - October 30, 2011 09:30 PM (GMT)

Rodrigo Guirao Diaz
Interpreta Alfredo nel film di Antonio Frazzi Violetta.



user posted image

utzy - October 30, 2011 09:31 PM (GMT)

Andrea Giordana (Andrea Giordana) (65 anni) 27 Marzo 1946, Roma (Italia) - Ariete
Interpreta Il duca Sagrado nel film di Antonio Frazzi Violetta.


user posted image


utzy - October 30, 2011 09:35 PM (GMT)
user posted image




* Hosted for free by InvisionFree